2 aprile 2008

Here comes the rolling bones



Il 2 aprile lo Studio Matteo Boettti di Roma presenta “Here comes the rolling bones. Paradossi della visione: tra etica e tecniche”. Una project room curata da Piero Pala e Benedetta di Loreto, che riflette sul processo di produzione di immagini a partire dalla realtà, considerando l’enigmatica attitudine del genere umano di esprimere se stesso attraverso la proiezioni di immagini piuttosto che relazionandosi con la realtà circostante.

In questa prima serie lavori due installazionioni e una selezione di video e film con due diversi usi del mezzo cinematografico, uno che tende all’illusorio, l’altro all’ironico.

Le opere sono di Donato Piccolo e Norma Jeane. I video di Adriano Abbado, Andrea Flamini, Marco Papa, Supersober, Guy Ben-Ner (l’artista israeliano che presenta per la prima volta in Italia “Stealing Beauty”), Philippe Fernandez, Maria Domenica Rapicavoli e Alice Schivardi. Fino all’11 luglio.

Nessun commento: