30 ottobre 2008

ECCO IL MESE DELLA MEMORIA GAY DEDICATO A PASOLINI E CONSOLI

Novembre, tempio della memoria gay. La Associazione 'Fondazione Luciano Massimo Consoli' sta infatti organizzando numerosi appuntamenti per il mese che segnerà anzitutto il primo anniversario della scomparsa di Massimo Consoli, motivo di aggregazione per il gruppo di amici dello scrittore e storico del movimento gay venuto meno il 4 novembre dello scorso anno.

Per questo martedì 4 novembre alle ore 12 l’appuntamento è a Marino presso il cimitero comunale dove la fondazione onorerà, alla probabile presenza del sindaco Adriano Palozzi, la memoria di Massimo Consoli.

Prima di ciò non poteva certamente mancare l’appuntamento annuale con il ricordo di Pier Paolo Pasolini, uno dei momenti ai quali Consoli era più legato.

Due saranno gli appuntamenti per celebrare la memoria del genio di Casarsa.

Anzitutto nella notte tra sabato 1 e domenica 2 novembre a mezzanotte i locali della Gay Street (via San Giovanni in Laterano) a partire dal celebre pub 'Coming Out' spegneranno le luci per qualche minuto, riproponendo così l’Operazione Notte Buia organizzata da Consoli e dai “pasoliniani” della “comunità varia” dal 1992.

Domenica 2 novembre alle ore 12 l’appuntamento sarà quindi all’Idroscalo, classico appuntamento consoliano per omaggiare il grande regista e poeta nel luogo dove trentatre anni fa ha trovato drammaticamente la morte. Il cantante Ciri Ceccarini (www.ciriceccarini.it) e la violinista Antonella Serafini eseguiranno dal vivo “La Ballata per Pasolini”.

Il mese della memoria gay si concluderà quindi nelle due settimane che da sabato 29 novembre condurranno al 12 dicembre, sessantatreesimo anniversario della nascita di Consoli quando, a cura della Associazione 'Fondazione Luciano Massimo Consoli' in collaborazione con la Città di Marino e il patrocinio della Provincia di Roma, presso il museo civico “Umberto Mastroianni” resterà aperta la mostra “Massimo Consoli – marinese d’affetti speciali” con materiale documentario, audio-video significativo tratto direttamente dall’Archivio fondato da Massimo nel lontano 1959.

Daniele Priori [responsabile ufficio stampa Associazione 'Fondazione Luciano Massimo Consoli']

***********

tratto da “Archivio Massimo Consoli” [ anno 9°, 1° novembre 1997 (numero curato da Anselmo Cadelli, presidente dell' “Ompo”) ] nel 22° anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini.

Quella che segue è una lista (incompleta) di quello che abbiamo fatto per mantenere vivo il ricordo di Pier Paolo Pasolini. Alcune mostre, esposizioni, conferenze... non sono citate semplicemente perché il ricordo non ci sostiene. Mancano anche le decine e decine di articoli, di numeri speciali di pubblicazioni varie, di inserti, di trasmissioni radio condotte nel corso degli anni. Il nostro Archivio ha ricordato ininterrottamente Pasolini, prendendo un impegno preciso, e che ha sempre rispettato, quasi nel momento esatto in cui Massimo Consoli seppe che il poeta di Casarsa era stato ammazzato, nel corso del primo telegiornale di quel lontano 2 novembre 1975, al ristorante di Barletta, insieme a Dario Bellezza e a un altro amico.

2 novembre 1975
Muore Pier Paolo Pasolini. Il Premio "Triangolo Rosa", preannunciato qualche tempo prima, viene ribattezzato "Triangolo Rosa - Pier Paolo Pasolini" in ricordo del poeta scomparso.
23 aprile 1976
"Notizie Radicali" riporta la richiesta di Consoli: "Oltre che il Pelosi si condanni anche chi lo ha partorito, cioè i Fanfani, i Paolo VI e gli Almirante... Sono drasticamente contrario alla pena di morte, ma farei un'unica eccezione per Giuseppe Pelosi..."
29 aprile 1976
Conferenza su Pasolini presso l'Associazione Ompo's, con Massimo Consoli, Dario Bellezza, Elio Pecora, Luce D'Eramo, Umberto Silva, Anna Mongiardo, Adele Cambria, e l'on. Vincenzo Cicerone.
25 ottobre 1976
Conferenza stampa per annunciare la manifestazione organizzata dall'Ompo's nel primo anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini.
30 ottobre 1976
Marcia per Pasolini, dalla Stazione Termini (dove il poeta aveva conosciuto Pino Pelosi), fino a Palazzo Chigi, per protestare contro il silenzio delle autorità. Massimo Consoli, che l'ha fortemente voluta contro il parere contrario di tutti, perfino degli altri gruppi gay, viene fermato e denunciato per aver organizzato una manifestazione non autorizzata (art. 650 C. P.) e per non aver ottemperato all'intimazione di sciogliere la stessa manifestazione, formulata dalla polizia (art. 18 T.U.L.P.S.).
2 novembre 1976
Premiazione del "Triangolo Rosa - Pier Paolo Pasolini" presso l'Ompo's. Vince il poeta di Palermo Piero Montana.
13 Novembre 1976
Seconda Marcia per Pasolini e dibattito presso il teatro Alberigo di Roma.
1° dicembre 1976
Di sera, presso l'Ompo's si svolge un controprocesso a Giuseppe Pelosi, l'assassino di Pier Paolo Pasolini, lo stesso giorno in cui si apre il processo vero e proprio al tribunale di piazzale Clodio, dove, la mattina, Consoli allestisce un banchetto con ritagli di giornali, volantini, dichiarazioni, foto.
2 novembre 1977
Ricordo di Pier Paolo Pasolini presso l'Ompo's. A mezzanotte tutti i partecipanti si trasferiscono all'Idroscalo di Ostia per cantare la "Ballata per la Morte di Pasolini".
26 settembre-2 ottobre1978
Al teatro Rendano di Cosenza, Consoli recita alcune scandalosissime poesie, tra le quali "Il mio culo è la porta del paradiso" e la "Dichiarazione d'amore nel giorno dei morti", dedicata a Pasolini.
2 novembre 1978
Pasolini ricordato presso la Gay House Ompo's.
27 ottobre 1979
Apre la" Mostra su Pier Paolo Pasolini", con i materiali dell"'Archivio Consoli".
4-7 dicembre 1979
"Pasolini, Intellettuale Maledetto e Scomodo", con mostra dell"'Archivio Consoli" e interventi di Massimo Consoli, Gianni Borgna, Enzo Siciliano, Giancarla Codrignani, al Circolo Lanciani di Roma.
10-27 dicembre 1979
"Pasolini e il Caos", mostra dell'"Archivio Consoli", e conferenza-dibattito a Certaldo, presso la libreria Rinascita, insieme allo scrittore Dario Bellezza, intimo amico del poeta scomparso.
2 novembre 1980
Massimo Consoli ricorda Pasolini presso l'associazione WW3 ("Terza Guerra Mondiale") di New York.
2 novembre 1981
Massimo Consoli ricorda Pasolini presso l'associazione WW3 di New York.
2 novembre 1982
Massimo Consoli ricorda Pasolini presso l'associazione WW3 di New York.
2 novembre 1983
Massimo Consoli ricorda Pasolini presso l'associazione WW3 di New York.
2 novembre 1984
Massimo Consoli ricorda Pasolini presso il "Garofano Verde", a Roma.
2 novembre 1985
La notte, commemorazione-incontro all'Idroscalo di Ostia.
2 novembre 1986
A New York, conferenza e punto della situazione presso la WW3.
2 novembre 1987
Incontro a Frattocchie ed esposizione di tutti i materiali dell"'Archivio Consoli" su Pasolini.
30 ottobre 1988 (fino al 2 novembre)
Mostra su Pasolini e conferenza-dibattito con Dario Bellezza, Nichi Vendola (oggi deputato di Rifondazione comunista al Parlamento Italiano e vice-presidente dalla Commissione Antimafia) e Massimo Consoli all'associazione "L'Altra Storia" di Roma. La notte dei 2 novembre, conferenza e canti all'Idroscalo di Ostia.
2 novembre 1989
Conferenza e mostra su Pasolini nella sede dell'"Archivio Massimo Consoli" alle Frattocchie.
2 novembre 1990
Cerimonia all'Idroscalo di Ostia, e canto della "Ballata per la morte di Pasolini".
2 novembre 1991
Cerimonia all'Idroscalo di Ostia.
Novembre 1991
"Pasolini al Brancaleone", Mostra, proiezioni, conferenze e dibattiti. La mostra gira in tre località diverse a cura di altrettante associazioni e, come accade molto spesso in situazioni del genere, spariscono i materiali più preziosi dell"'Archivio Consoli".
5 marzo 1992
"Rome Gay News" e "Ompo" pubblicano uno "Speciale per l'Anniversario della Nascita di Pier Paolo Pasolini", curato da Enrico Verde.
28 giugno 1992
Su "Rome Gay News" n. 39, in occasione dell'anniversario dello "Stonewall", Consoli procede alla "santificazione" di Pasolini.
2 novembre 1992
Cerimonia all'Idroscalo di Ostia, con Athos De Luca (deputato Verde e, oggi, nella maggioranza del Comune di Roma), lo scultore Mario Rosati, Lucio Barbera (assessore alla Cultura presso il Comune di Roma) e Consoli. Due pagine di commemorazione su "Paese Sera". Alcuni manifesti dei film di Pasolini di proprietà dell"'Archivio Consoli" vengono esposti in un locale di Roma a cura del Mario Mieli. Consoli lancia l'Operazione Notte Buia, invitando i locali gay di Roma a spegnere le luci per un minuto dopo la mezzanotte tra il 1° e il 2 novembre.
5 marzo 1993
"Rome Gay News" e "Ompo" pubblicano un dossier speciale di sette pagine sulle "aperture" del Movimento sociale italiano. Il documento è intitolato "Pier Paolo Pasolini e il Secolo d'Italia", di Ludo che, nel sottotitolo, avverte: "La Destra parla (insolitamente) bene del Poeta delle borgate romane".
2 novembre 1993
Cerimonia all'Idroscalo di Ostia. Consoli attacca chi si oppone al monumento a Pasolini ricordando che "La realtà gay è molto spesso più morale della realtà etero, ed è inutile elencare gli educatori, i filantropi, gli autori di fiabe, i missionari che, come Albert Schweitzer, Justus von Liebig, James Barrie, Robert Baden-Powell e, dicono, perfino Collodi, hanno dato il loro contributo all'evoluzione positiva della nostra società. Viene replicata l'Operazione Notte Buia.
2 novembre 1994
Consoli amplia l'Operazione Notte Buia, invitando a parteciparvi tutti i locali, gay e non gay, in tutta Italia, a spegnere le luci per un minuto. Inoltre, realizza qualche centinaia di scapolari con la terra raccolta nel luogo esatto in cui venne ammazzato Pasolini (con l'aiuto di Antonio Di Giacomo, Giuliano Melato e Maria Ridolfi), per contribuire al ricordo del Poeta.
2 novembre 1995
L'Operazione Notte Buia, ormai in fase di continua espansione, viene riproposta a tutti i locali pubblici e privati italiani (pub, cinema, discoteche, teatri, caffetterie, ristoranti... gay e non gay, vista l'universalità ormai riconosciuta del messaggio pasoliniano) e per la prima volta è sottoposta a 125 pubblicazioni gay di una trentina di Paesi diversi, che ricevono l'ormai tradizionale "scapolare di terra ostiense" e l'invito a farsi promotrici della diffusione di questa importante iniziativa nell'ambito del loro territorio. Inoltre, l'"Archivio Consoli" cura la pubblicazione (fino ad allora inedita) degli "Atti del controprocesso a Giuseppe Pelosi" tenuto il 1° dicembre 1976 (con Massimo Consoli, Dario Bellezza, Alberto Bevilacqua, Giuseppe Caputo, Elio Pecora e Laura di Nola), e degli interventi dei vari partecipanti alla conferenza sul Poeta di Casarsa tenuta il 29 aprile 1976, oltre ad una nuova edizione del medesimo controprocesso.
2 novembre 1996
Continua l'Operazione Notte Buia, in Italia e all'estero. Presso l'Archivio Consoli vengono esposti centinaia di articoli su Pasolini

Nessun commento: