9 febbraio 2010

UNA MAIL DA INVIARE ALL'UFFICIO LEGALE ORDINE DEI MEDICI DELLA PROVINCIA DI ROMA

riceviamo questa segnalazione dalla Associazione radicale ‘Certi Diritti’.

Si tratta dell'ennesimo psichiatra (un medico!!!!) che definisce l'omosessualità "una patologia che deriva da un grave disordine e da una mentalità deviata e talvolta viziosa".

Siete invitat** ad inviare questa mail in fondo all'Ufficio Legale Ordine dei Medici della Provincia di Roma, aggiungendo alla fine il vostro nome e cognome. La mail va spedita al seguente indirizzo: rmomceo@tin.it

Se poi diffondiamo la voce, potremmo inondare l'ufficio... chissà che non capiscano !

Alba Montori

******
alla c.a. Ufficio Legale Ordine dei Medici della provincia di Roma,

Mi è capitato di leggere un'intervista del dott. Francesco Bruno, iscritto al vostro ordine, in cui egli affermava quanto segue:

" […] partendo dalla idea che la omosessualità é una patologia che deriva da un grave disordine e da una mentalità deviata e talvolta viziosa, ecco credo che si possa parlare, senza offesa, di omosessualità come lebbra etica.

Intendo dire come una malattia che corrode la integrità dell'anima umana. Poi le associazioni dei gay strepitino. Ma io non sto discriminando nessuno, tanto meno dando dei lebbrosi.

Accosto sul piano degli effetti nocivi per la salute dell'anima, come una lebbra o un cancro, la devianza sessuale e quindi la omosessualità"

http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/vips/3612-omosessuali-e-libertini-portatori-di-qlebbraq-morale-anche-nelle-scelte-sessuali-occorre-senso-di-responsabilita-e-fedelta-nanni-moretti-vuole-psicoanalizzare-il-papa-una-idea-folle-pensi-a-se-stesso

Dal momento che tale affermazione contraddice qualsiasi manuale di psichiatria riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale, mi auguro che il vostro Ordine smentisca pubblicamente tale affermazione, che confonde la scienza con la morale e provoca un danno alla salute mentale di tutte le persone omosessuali che devono confrontarsi con tali posizioni, antiscientifiche, ma travestite da voci alternative della scienza.

Cordiali saluti,

(nome e cognome)

Nessun commento: