1 agosto 2010

GIORNALISTA ABUSATO IN UNA PRIGIONE IRANIANA

Un anno dopo l'arresto di massa senza precedenti di giornalisti e attivisti in Iran, paese definito come "la più grande prigione di giornalisti del mondo", si denunciano abusi violenti e torture che si continuano a verificare ad opera di gruppi dei reparti della Repubblica islamica, i più scioccanti dei quali sono gli abusi sessuali.

L'ultimo caso, secondo fonti di Teheran, nella famigerata prigione di Evin: Abdolreza Tajik giornalista e membro eminente del centro Iraniano di difesa dei diritti umani, arrestato, è stato forzatamente denudato e "disonorato" mentre veniva interrogato in presenza del sostituto procuratore di Teheran. Dettagli del presunto reato non sono stati forniti dalle fonti o dai membri della famiglia, ma il termine "disonorato" viene spesso utilizzata nella cultura persiana per indicare violenza sessuale o abuso, anche nel contesto legale.

"In una e unica visita che ci è stato consentito di avere con mio fratello in prigione, egli ci ha detto che era stato disonorato di fronte al sostituto procuratore generale di Teheran durante l'interrogatorio", ha detto Parvin Tajik, sorella di Abdolreza. "Era molto nervoso e depresso e voleva discutere il caso con il suo avvocato e col procuratore di Teheran". Alla difesa di Tajik finora non è stato permesso di fargli visita.

Abdolreza Tajik, aiutante dell premio Nobel Shirin Ebadi, è tra le centinaia di giornalisti, attivisti e politici riformisti, che sono stati arrestati a seguito delle proteste per le controverse elezioni presidenziali del 2009 che hanno confermato la presidenza autoritaria di Mahmoud Ahmadinejad. Tajik è stato arrestato per la terza volta durante l'anno scorso con acuse ignote ed è rimasto in stato di detenzione per più di un mese prima che alla famiglia sia stata concessa una visita.

La famiglia Tajik ha scritto una lettera aperta al capo giudiziario iraniano Sadegh Larijani, chiedendo di conoscere il reato per cui è detenuto, ma non hanno ancora ricevuto risposta.L'ubicazione di Tajik è stata tenuta segreta per circa un mese, e solo dopo che la sua famiglia ha annunciato che il suo nome non era comparso sulla lista della prigione di Evin, i giornalisti senza frontiere con sede a Parigi hanno avvertito che potrebbe finire per Tajik di essere il prossimo Zahra Kazemi dell'Iran. Kazemi era una giornalista iraniano-canadese che è stato arrestato a Teheran nel 2003 mentre era in visita da Montreal e morì in carcere dopo essere stata picchiata, in un caso molto controverso; l'atteggiamento duro nei confronti di Tajik potrebbe essere legato alla volontà della Repubblica islamica di impedire l'azione per i diritti umani alle ONG più prestigiose del paese. Tagijk potrebbe, sotto la pressione da parte dell'Iran di confessare contro le sue attività, star pagando il prezzo di essere un membro attivo del Centro dei difensori dei diritti umani.

Considerandole in prima linea nella società civile iraniana, il regime iraniano ha finora combattuto la quasi totalità dei membri delle ONG. L'ufficio del Centro è stato forzatamente chiuso da mesi dalle forze di sicurezza prima delle elezioni presidenziali, e quasi tutti i suoi membri sono stati detenuti per settimane. Le proprietà di Shirin Ebadi sono state confiscate. Abdolreza Tagijk è l'ultima vittima.

Shirin Ebadi, che è a capo dell'Iran Centro dei difensori dei diritti umani, è piuttosto scossa dalle recenti notizie circa la sua collega. In precedenza ci sono stati numerosi rapporti su torture fisiche e mentali dei prigionieri di coscienza in Iran, e queste torture sono state generalmente effettuate da interrogatori o aguzzini, ci sono stati persino casi di stupro, ha detto Ebadi. "In passato i funzionari responsabili almeno reagivano alle notizie, invece questa volta non solo non hanno reagito, ma la realtà più grave è che questo atto è stato eseguito davanti ad un funzionario giudiziario di alto rango del paese, e a un ben noto e rispettabile giornalista.

Anche se i dettagli esatti del caso Tagijk non sono stati ancora rivelati,la violenza sessuale nei confronti dei prigionieri ha una lunga storia in Iran. Anche prima della rivoluzione del 1979 che ha rovesciato il sistema monarchico, ci sono state segnalazioni di tali abusi contro i prigionieri politici.

Dopo la rivoluzione e durante la repressione dura per attivisti politici nel 1980, ci sono stati casi di presunto stupro di prigionieri di sesso femminile. A partire da questo periodo, tali casi sono stati segnalati raramente fino alle recenti elezioni presidenziali che hanno mobilitato le masse nel movimento verde. "

Settimane dopo la sanguinosa repressione contro i sostenitori del Movimento Verde, Mehdi Karroubi, uno dei leader dell'opposizione riformista, ha detto in una lettera aperta che ha la prova innegabile che ci sono stati casi di stupro di ragazze e di ragazzi in detenzione. Anche se la notizia è stata respinta dai funzionari, alcuni dei detenuti che hanno lasciato il paese ha detto ai media stranieri che sono stati vittime di aggressione sessuale, violentati da alcuni carcerieri e agenti, alcuni penetrati con bastoni e bottiglie. Nei casi meno gravi, alcuni prigionieri hanno dichiarato di essere stati spogliati delle vesti e sottoposti a umiliazioni e minacce. La Repubblica islamica dell'Iran ha sempre negato tutte le accuse del genere.

Anche se le dimensioni del caso Tagijk non sono ancora chiare, la notizia scioccante iniziale è stata sufficiente a provocare un'altra ondata di proteste all'interno delle migliaia di utenti di Internet iraniana il cui movimento di protesta è presente su Facebook e decine di migliaia di blog. Migliaia di utenti hanno cambiato sul loro profilo di Facebook leproprie foto con la foto di Tagijk a sostegno del giovane giornalista detenuto. Uno degli aggiornamenti di stato dice: "Oggi ci assalgono. Ma oggi si sta reagendo. Attenzione! Il domani è il nostro".

Nessun commento: