15 febbraio 2011

UN RAPPORTO SCONVOLGENTE DA IGLHRC SULLA CONDIZIONE LGBT IN AFRICA

La realtà dei LGBT Africani. Ricatti ed estorsioni su base regolare. Le leggi omofobe per colpa dello stigma sociale. (Johannesburg, 15 febbraio 2011)

Le leggi antiquate contro le relazioni omosessuali, così come lo stigma sociale profondamente radicato, hanno come conseguenza fin troppo frequente in Africa la persecuzione di lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT), fatti oggetto di ricatto ed estorsione; lo ha dichiarato il Gay and Lesbian International Human Rights Commission (IGLHRC) in un rapporto presentato oggi.
Il rapporto, Nowhere to Turn: Blackmail and Extortion of LGBT People in Sub-Saharan Africa,( Nessuna difesa: i ricatti e le estorsioni contro le persone LGBT in Africa sub-sahariana), mostra come i LGBT africani sono resi doppiamente vulnerabili dalla criminalizzazione dell'omosessualità e dalla stigmatizzazione spesso violenta che devono affrontare se la loro sessualità viene palesata. Basato su una ricerca dal 2007 ad oggi, il volume presenta articoli di ricercatori e dei principali attivisti africani e di accademici sulla gravità dell'impatto che queste violazioni dei diritti umani hanno in prevalenza sulle persone GLBT in Camerun, Ghana, Malawi, Nigeria e Zimbabwe.
"La tragica realtà è che il ricatto e l'estorsione sono parte della vita quotidiana di molti africani LGBT che sono isolati e resi vulnerabili da leggi omofobe e stigma sociale", afferma direttore esecutivo di IGLHRC, Cary Alan Johnson. "La responsabilità è chiaramente dei governi nel non affrontare questi crimini e la vulnerabilità sociale e giuridica delle persone LGBT."
Gli autori del rapporto raffigurano vividamente l'umiliazione dell'isolamento e la manipolazione che le persone LGBT subiscono da parte di ricattatori e estorsori nel descrivere le minacce di pubblicizzazione, furto, aggressione e stupro, che possono danneggiare e persino distruggere le vite delle vittime. La vulnerabilità di fronte a questi crimini perpetrati regolarmente è evidente e le famiglie e le comunità non sono rifugi sicuri. Ad esempio, secondo una ricerca condotta nel Camerun e messa in evidenza nella relazione, "la maggior parte dei ricatti e tentativi di estorsione sono stati commessi da altri membri della comunità - 33,9% da vicini di casa, 11,8% da parte di familiari, 11,5% da compagni di classe, e 14,1 .% da amici omosessuali delle forze di polizia che sono stati spesso complici di ciò - o ignorandoli o rifiutando di occuparsene o, nel 11,5% dei casi,perpetrandoli direttamente ".
Non c'è nessuno a cui rivolgersi per scoprire e denunciare il ruolo che lo Stato svolge in questi crimini ignorando ricatti ed estorsioni effettuate dalla polizia e da altri funzionari, omettendo di perseguire i ricattatori, e facendo condannare le vittime LGBT secondo la legge contro la sodomia quando trovano il coraggio di denunciare il ricatto alle autorità . IGLHRC esorta gli Stati ad adottare misure concrete per ridurre l'incidenza di tali reati, depenalizzare l'attività sessuale tra persone dello stesso sesso, educando i funzionari e le comunità riguardo alle leggi sul ricatto, e garantire che tutte le persone possano accedere ai meccanismi giudiziari, senza pregiudizi.

Nessun commento: