22 gennaio 2012

'CERTI DIRITTI' NEWS

Uno degli obiettivi dell'associazione radicale Certi Diritti è la legalizzazione della prostituzione e nel corso del 2012 saranno diverse le iniziative che promuoveremo.

La prima sarà un'azione di disobbedienza civile dopo l'assurdo appello lanciato dalla Cassazione alle prostitute con la sentenza n.1387 che le invita ad un maggior 'decoro' riguardo il loro modo di vestire e di atteggiarsi. Assurdo come la fallimentare ordinanza anti-prostituzione del sindaco di Roma Alemanno, a cui abbiamo chiesto di fornire i dati, e la schedatura di 248 prostitute a Bologna da parte di 253 poliziotti che viola la legge sulla privacy, la legge Merlin e la Convenzione Europea dei Diritti dell'uomo. Su questa vicenda è stata presentata una interrogazione parlamentare.

Un altro obiettivo è la Riforma del Diritto di Famiglia che è in vigore ormai dal 1975.

Su questo fronte, grazie ai parlamentari radicali, abbiamo depositato il 6 luglio 2010 una proposta di legge mai calendarizzata (la n. 3067, prima firmataria l'On. Rita Bernardini), contenente tra le altre cose il riconoscimento delle unioni di fatto e del matrimonio tra persone dello stesso sesso, la libertà di procreazione assistita, il divorzio breve e l'adozione anche a coppie non coniugate e persone singole.

Tra le conseguenze di questa mancata discussione c'è il calo del numero delle adozioni, che solo nell'ultimo anno è diminuito del 2,6%. Certi Diritti chiede al Parlamento di intervenire.

'Froci schifosi andatevene a casa': così è stato insultato domenica scorsa a Milano Claudio Barazzetta, membro del Comitato Nazionale di Radicali Italiani, e un suo amico. Inaccettabile che nella città che si definisce la più moderna ed europea delle città italiane, possano accadere simili episodi.

Le coppie gay incitano all'omosessualità: l'assurda protesta contro la serie 'Fisica o chimica', trasmessa nel primo pomeriggio su Rai4, è sostenuta dai membri dell'Aiart (Associazione Italiana Ascoltatori Radio e Televisione). La colpa della serie tv è parlare di omosessualità e di sesso.

Peccato che da uno studio internazionale appena pubblicato emergono dati inquietanti sulla scarsa conoscenza della sessualità dei giovani adolescenti. In Italia a parte qualche lodevole iniziativa, l'informazione sessuale nelle scuole è praticamente inesistente.

Dal mondo: dopo il ragazzo vicentino suicida un altro adolescente si è tolto la vita in California a causa della famiglia integralista, il 63% dei francesi si dice favorevole al matrimoni gay e dalla Spagna arriva una delle poche ricerche sul mondo trans.

Colpevole di essere omosessuale, l'ennesimo arresto questa volta in Arabia di un giovane riporta prepotentemente alla nostra attenzione la necessità di azioni transazionali.

Per questo Certi Diritti ha deciso di promuovere un network transnazionale per la promozione e la difesa dei diritti civili e umani nel mondo.

Con il tuo aiuto possiamo fare molto di più. Non riceviamo finanziamenti pubblici e tutto quello che facciamo dipende dall'autofinanziamento degli iscritti.

Nessun commento: