23 novembre 2012

Certi Diritti newsletter 23 novembre 2012: La morte di Andrea, la vittoria a Milano, le unioni civili a Roma e la legge antigay in Uganda

LogoCD

Seguici anche su Facebook | Youtube | Twitter


Ciao tutt**

ieri a Roma e in diverse città italiane la comunità lgbt ha voluto piangere la morte di Andrea, questo il nome del quindicenne che si è impiccato martedì a Roma.
In Italia il Parlamento ha bocciato tre volte negli ultimi una legge contro l'omotranfobia mentre le persone gay e lesbiche continuano ad essere discriminate e aggredite e il nostro Paese è tra i primi posti al mondo per omicidi di persone transessuali.
L'associazione radicale Certi Diritti è convinta che il codice penale non serva a contrastare e prevenire i reati d'odio e per questo chiediamo una legge che preveda anche campagne informative, corsi di formazione e attività nelle scuole.

Intanto martedì a Roma, Torino e in altre città abbiamo ricordato le vittime transessuali in occasione del T-DoR (Transgender Day of Remembrance)
Guarda su Radio Radicale il video della commemorazione a Roma >        
Certi Diritti chiede un incontro al governo per discutere un'agenda degli interventi più urgenti per la situazione delle persone transessuali in Italia.

A Roma Certi Diritti e Radicali Roma hanno organizzato un flash-mob in Campidoglio per chiedere il rispetto dello Statuto sulla calendarizzazione della nostra proposta di iniziativa popolare sul riconoscimento delle unioni di fatto. Guarda il video >
E' stata inviata all'Amministrazione una diffida chiedendo l'immediata discussione della delibera sottoscritta da più di 7000 cittadini.

A Milano abbiamo vinto. Ieri il Consiglio comunale ha votato la sospensione del gemellaggio con San Pietroburgo. Grazie a tutti gli artisti che hanno aderito alla campagna e a Marco Cappato.
Ma Torino ha deciso di unirsi alla città russa in un asse strategico liberticida >
L'intervento di Yuri Guaiana, Segretario di Certi Diritti, sull'Huffington Post >

A Trieste il 12 novembre la giunta comunale ha fatto propria una mozione avente per oggetto "Politiche antidiscriminatorie (orientamento sessuale ed identità di genere)". La mozione che, tra le altre cose, impegna il Sindaco e la Giunta ad aderire alla Rete Re.a.dy, è stata frutto del lavoro del gruppo locale dell'Associazione Radicale Certi Diritti, del Circolo Arcobaleno Arcigay arcilesbica di Trieste e dell'Avvocatura per i diritti lgbt - Rete Lenford di Trieste.

Alla fine Tonio Borg, nonostante le sue posizioni clericali fondamentaliste e contrarie ai diritti LGBTI, delle donne, degli immigranti è stato nominato Commissario europeo dalle destre e parte dei socialisti, ma sotto osservazione. Detterà la linea politica di questioni delicate come la salute, Ogm, la ricerca scientifica, l'assistenza medica e farmaceutica e molto altro.

TUTTO QUELLO CHE FACCIAMO E' POSSIBILE SOLO GRAZIE AI NOSTRI ISCRITTI. CERTI DIRITTI SI AUTOFINANZIA COMPLETAMENTE. ISCRIVITI O VERSA UN CONTRIBUTO >

Importante:

Uganda: Torna in Parlamento la legge antigay che prevede anche la pena di morte >

Non serve predicare al vento contro la prostituzione. Un articolo di Maria Gigliola Toniollo spiega il nostro approccio al tema >

'Matrimonio per tutti': intervento della ministra francese dei Verdi su Liberation >

Ascolta Fuor di pagina la rassegna stampa commentata di Certi Diritti, può essere seguita su Radio Radicale ogni venerdì alle ore 15,00 scaricata su iTunes o riascoltata  su Radio Radicale >

Tirano (SO), Venerdì 30 novembre- ore 20,45 - Presentazione di "Certi diritti che le coppie conviventi non sanno di avere" presso la libreria "il Mosaico", Viale Italia 29. Incontro con Gabriella Friso del Direttivo di Certi diritti e coautrice del libro.

www.certidiritti.org

Nessun commento: