18 maggio 2013

Certi Diritti newsletter 17 maggio: Giornata Mondiale contro l'omotransfobia, l'Italia sostiene strategia LGBTI europea, nuova agenzia antidiscriminazioni a Milano e ultime sul "caso Mannina"

LogoCD



Venerdì 17 maggio una delegazione della nostra associazione ha partecipato alla cerimonia per la giornata mondiale contro l'omotransfobia convocata dal Senato alla quale erano presenti Pietro Grasso, Laura Boldrini e il Ministro Josefa Idem.

Proprio il Ministro Idem il giorno prima si è unita ad altri 13 Ministri europei per chiedere alla Commissione Europea di avviare il processo verso una strategia europea sui diritti delle persone Lgbti, come chiesto da Certi Diritti in una lettera indirizzata a lei oltre che ai ministri Bonino e Moavero Milanese.

Dopo l'incontro al Senato vi segnaliamo il presidio da noi convocato insieme ad altre associazioni del movimento davanti all'ambasciata ugandese, per ricordare la condizione inaccettabile delle persone LGBTI locali da anni minacciati da un progetto di legge "anti-gay".

Sempre sul fronte discriminazioni, vogliamo condividere la grande soddisfazione per quanto accaduto a Milano per l'approvazione della delibera di iniziativa popolare contro le discriminazioni e le pari opportunità che abbiamo sostenuto insieme al comitato Milano Radicalmente nuova. E' la prima iniziativa popolare mai approvata dal Consiglio del capoluogo lombardo.

Sulla vicenda Mannina, l'insegnante allontanato dalla scuola italiana all'Asmara, vi segnaliamo che la Farnesina ha convocato l'Ambasciatore eritreo che ha fornito le sue considerazioni in merito all'espulsione di Paolo.

Vi segnaliamo inoltre

"La Ministra Idem fa un passo avanti, ma siamo sicuri che stia andando verso l'uguaglianza?" e l'intervista a Enzo Cucco sulla Giornata mondiale contro l'omofobia e la transfobia.

  Fuor di pagina la rassegna stampa curata da Certi Diritti, in onda su Radio Radicale ogni venerdì alle 15:00, scaricabile in podcast su iTunes e disponibile in streaming quando vuoi sul sito di Radio Radicale >

Con il tuo aiuto potremmo fare molto di più.

Non riceviamo finanziamenti pubblici e tutto quello che facciamo dipende dall'autofinanziamento degli iscritti

ISCRIVITI O CONTRIBUISCI A CERTI DIRITTI >


Nessun commento: