16 ottobre 2014

Certi Diritti newsletter 30 settembre 2014 . La Suprema Cupola dell'omofobia di Stato

LogoCD

Ciao tutt**,

ecco un breve resoconto delle notizie e delle attività dell’Associazione Radicale Certi Diritti.

#News

Dopo lo stop di 6 mesi della formazione e sensibilizzazione contro l’omofobia e la transfobia nelle scuole viene annunciata la ripartenza del progetto e a sorpresa vengono escluse la Rete Ready e le associazioni LGBTI . Ennesimo segnale negativo del governo Renzi.

La Corte di Cassazione francese ha stabilito che una donna lesbica sposata può adottare i figli nati dalla partner tramite fecondazione assistita realizzata all’estero visto che l’accesso a questa tecnica è proibita in Francia per le coppie omosessuali.

La Corte Costituzionale russa ha deciso che “il divieto di propaganda gay tra i minori non può essere considerata un limite ai diritti delle minoranze sessuali” , diventando di fatto la Suprema Cupola dell’omofobia di Stato


#Mondo: Ravnopravnost i ljudska prava za sve!

Primo Pride a Belgrado: un'altra pagina di storia scritta in Europa . Ce ne parla il nostro segretario Yuri Guaiana sul suo blog sull'Huffington Post


#CertiDiritti8 Convocato l’VIII Congresso annuale

Visita il nostro sito per il programma provvisorio, per preannunciare la tua presenza e per tutte le info logistiche per partecipare alla nostra Assemblea.


#FuorDiPagina

Ogni martedì alle 23:30 su Radio Radicale non perdere la nostra rassegna stampa settimanale a cura di Leonardo Monaco. Disponibile anche in Streaming e in podcast su iTunes .


#Sostienici

Iscriviti o Contribuisci per aiutarci a portare avanti le nostre battaglie per la libertà e la responsabilità sessuale delle persone.

Modalità per effettuare la trascrizione del matrimonio celebrato all’estero.


Diffondete anche ad amici e conoscenti e se conoscete coppie con i requisiti richiesti, inoltrate! Grazie

Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli
Segreteria


Logo




Riceviamo dal Comune di Roma e, volentieri, inoltriamo.

Modalità per effettuare la trascrizione del vostro matrimonio celebrato all’estero.

I presupposti formali per la trascrizione sono i seguenti:

• il matrimonio deve innanzitutto avere effetti civili nello Stato estero di celebrazione e riguardare almeno un/a cittadino/a italiano/a residente a Roma. Questi requisiti vengono solitamente valutati dal Consolato italiano prima dell’inoltro a sua cura in Italia, per cui, qualora l’atto fosse presentato direttamente dalle persone interessate è l’ufficiale dello stato civile procedente che provvede alla verifica dei suddetti presupposti prima della trascrizione;

• Il documento esibito deve consistere in un estratto o copia integrale dell’atto di matrimonio estero, ovvero nella corrispondente certificazione che lo stato estero di celebrazione rilascia per siffatta tipologia di evento, ovvero in una certificazione plurilingue prevista da convenzioni internazionali.

 • Il documento esibito deve contenere la firma dell’autorità certificante in originale, nel senso cioè che non sono ammesse semplici fotocopie dell’atto o della certificazione.

 • La documentazione estera così prodotta, se consistente nella certificazione plurilingue prevista da convenzioni internazionali, è immediatamente idonea per la trascrizione, altrimenti, in tutti gli altri casi, per poter essere trascritta deve essere anche legalizzata o apostillata e quindi tradotta.

• La legalizzazione consiste in una sorta di certificazione, emessa dall’ambasciata o dal consolato italiano presso lo stato estero di celebrazione, in cui sostanzialmente si attesta che, l’autorità certificante, è investita del relativo potere, mentre l’apostille è un forma semplificata di legalizzazione, prevista dalla convenzione de L’Aja del 1961 tra i paesi aderenti, nella quale chi conferma la corretta provenienza del documento dal soggetto abilitato all’emissione è l’autorità amministrativa dello stesso Stato di celebrazione e non il nostro consolato. Entrambe solitamente consistono in un timbro sul retro del certificato.

• La traduzione dell’atto in lingua italiana deve avvenire in forma scritta e dev’essere certificata conforme al testo straniero dall’autorità consolare italiana nello stato estero di emissione, ovvero da un traduttore ufficiale iscritto nell’apposito elenco presso la cancelleria del Tribunale, ovvero da un interprete che attesti con giuramento innanzi all’ufficiale dello stato civile la conformità al testo straniero al momento della trascrizione.

• Ricevuta in questo modo la documentazione completa, l’ufficiale di stato civile deve verificare che la stessa non sia contraria all’ordine pubblico, con particolare riferimento al requisito del consenso al matrimonio di entrambi i coniugi. A tal proposito, qualora per la tipologia di atto esibito non dovesse emergere tale requisito, la richiesta scritta di trascrizione da parte di entrambi gli sposi viene considerata confermativa della volontarietà del vincolo matrimoniale precedentemente contratto.

Per verificare che la documentazione in vostro possesso sia idonea per procedere alla trascrizione sabato prossimo, contattate con urgenza una delle seguenti persone: - Giovanni Pellacchia (tel. 06.6710.48.71) - Annamaria Esposito (tel. 06.6710.3066) - Elena Canfailla (tel. 06.6710.73067).

Una volta ottenuto il loro ok, occorre mettersi in contatto con l'Assessorato Scuola, Infanzia e Pari Opportunità per le questioni operative riguardanti la trascrizione che si terrà sabato mattina. Il contatto all'Assessorato è Deborah Di Cave 3457087319

"Empowering ed estremamente appagante" una giovane attivista così descrive la Conferenza dei Caraibi

Greetings from Suriname

Sono appena tornata da una formazione straordinaria in Suriname con decine di brillanti attivisti LGBT che stanno lavorando per aumentare la sicurezza e la visibilità in tutti i Caraibi. Volevo condividere con voi le parole ispiratrici di un attivista di 22 anni, Paige Jennan Andrew, che ha scritto sull'evento: ". Empowering ed estremamente appagante sono le parole che vengono in mente"

Sono rimasta particolarmente colpita dalla sua reazione di partecipare al suo primo GayPride. "E' stata", ha scritto, "senza dubbio l'esperienza più liberatoria che abbia mai avuto." Ma non basarti sulle mie parole su ciò. Leggi osservazioni di Paige  da te.

Questo è stato il secondo anno che abbiamo avuto al Gay e Lesbica Internazionale Diritti Umani la Commissione che ha sostenuto la donna dei Caraibi e la Conferenza sulle diversità sessuale, anche come donatore contribuendo a rendere la conferenza possibile e conducendo seminari di formazione. L'evento è stato organizzato dalla United e Strong (Santa Lucia) e ospitato dalla Fondazione delle donne Way (Suriname).

Maria Mercedes Gómez, che gestisce il programma IGLHRC nella regione, ha detto, "Credo che sia incredibilmente importante sostenere le comunità LGBT nei Caraibi. E 'l'unica regione nell'emisfero occidentale che ha ancora leggi sulla sodomia sui libri, e non a caso, i tassi di discriminazione e violenza rimangono allarmanti ".

In Suriname, ho visto di prima mano i risultati del progetto di supporto congiunto di IGLHRC con unita e forte, in cui ci alleniamo come attivisti per monitorare i tabloid e il giornalismo e istituire partenariati con i giornalisti locali. L'obiettivo è quello di allontanarsi dal sensazionalismo, dalle relazioni dannose sui diritti LGBT in favore dell'obiettivo di una copertura accurata.

Aiutando gli attivisti acquisire know-how e competenze, IGLHRC fornisce gli strumenti di cui avranno bisogno per avere un ritorno.

Calorosamente,

Jessica Stern
Direttore esecutivo

DIRITTI ALLA META: Confronto a Napoli su Matrimonio Egualitario e Unioni civili

In occasione del trentennale della fondazione del Comitato Arcigay Antinoo di Napoli, sabato 18 ottobre 2014, avrà luogo l’iniziativa “Diritti alla Meta”: un confronto tra associazioni e politica nazionale per discutere di Matrimonio egualitario e Unioni civili.

 L’evento sarà l’occasione per effettuare una prima analisi condivisa delle esperienze condotte sui territori, in particolare quelli del Sud Italia, e per fare il punto della situazione nazionale sui diritti civili. Alla luce dei mutamenti sociali in atto e delle indicazioni provenienti sia dalla giurisprudenza e dalla Corte Costituzionale, oltre che dagli organi dalla Comunità Europea, è tempo di uscire da quel limbo legislativo in cui versano i progetti di legge per una piena cittadinanza delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali. In tal senso, occorre imprimere una energica sferzata all’azione del Governo, che tuttora appare immobilizzato, se non in evidente difficoltà dopo la circolare ai prefetti del Ministro Alfano. Eppure le ultime rilevazioni Demos per Repubblica parlano chiaro: per la prima volta oltre la metà degli italiani (55%) è favorevole alle nozze tra persone dello stesso sesso, raggiungendo punte di oltre il 70% tra gli elettori M5S e della sinistra “radicale” e del 64% tra i votanti di FI, una percentuale che inaspettatamente supera quella del PD fermo al 56%. Cosa c’è ancora da aspettare?

L’evento si svolgerà presso Palazzo Sisto Riario Sforza, Hotel de Charme Decumani, via S. Giovanni Maggiore Pignatelli 15 e si articolerà in due dibattiti che si conseguiranno nell’arco della giornata.

Alle ore 11:30 si terrà l’Assemblea delle Associazioni LGBT (Lesbian, Gay, Bisex e Trans) delle regioni meridionali (Campania, Calabria, Basilicata, Puglia, Sicilia con Abruzzo e Molise), dove verranno effettuate riflessioni e valutazioni sulle azioni, sulle pratiche intraprese e su quanto può e deve essere ancora fatto nelle nostre regioni in termini di crescita culturale.

In seguito, alle  ore 16:30, il focus dell’attenzione si sposterà sulle politiche nazionali e verrà avviato un confronto sui diritti civili tra i principali partiti che compongono la scena politica italiana.
Saranno presenti in rappresentanza dei rispettivi schieramenti politici: Gianni Pittella (PD), Pina Picierno (PD), Silvia Giordano (M5S), Mara Carfagna (FI), Marco di Lello, Arturo Scotto (SEL), Gennaro Migliore (LED); saranno inoltre presenti all’incontro molteplici personalità del mondo della cultura, dei sindacati, della politica e del terzo settore, da Anna Maria Carloni al Presidente nazionale di Arcigay, Flavio Romani; da Franco Grillini al Prof. Massimo Villone, costituzionalista dell’Università di Napoli Federico II ed il dr. Luigi Amodio, primo presidente del Comitato Arcigay di Napoli.
 L’incontro sarà moderato da Vanni Piccolo e vedrà la partecipazione nel dibattito delle autorità locali, invitati il Governatore della Campania, Stefano Caldoro ed i Sindaci di Napoli, Luigi de Magistris e di Salerno, Vincenzo de Luca.
(La lista degli ospiti è parziale).

Poichè i posti in sala sono limitati si invita a compilare la pagina degli accrediti: www.arcigaynapoli.org/trentennale

Per info e contatti +393922468663 +393881850218

14 ottobre 2014

notizie da CALEM

Salam e buona giornata,
 potete trovare sotto una sintesi delle principali attività della nostra confederazione euro-africana Calem:
 
- Dopo tre mesi di formazione intensiva all inclusive per imam  in Sud Africa, è stata organizzata una lettura ad Harvard  nel mese di novembre con la partecipazione di Nasredine Errami, il nostro coordinatore internazionale dalla Regione MENA (Middle East North Africa) che presenterà il nostro Queer Global Network -  AIR lanciato alla conferenza nel settembre 2014, Città del Capo, con oltre 110 partecipanti (MOST la più grande conferenza dei  musulmani alternativi mai organizzato dalla ICT - Inner Circle ). Gli intellettuali sono stati invitati, nonché gli imam gay da tutto il mondo. Per saperne di più qui.
 
- Il nostro incontro in Libano in agosto 2014 è stata una grande esperienza culturale e spirituale per i partecipanti. Prossimo viaggio culturale Organizzato da Yazid: il pellegrinaggio alla Mecca inclusiva in compagnia di Imam Ludovic-Mohamed Zahed (ora ricercatore indipendente, egli non è più collegato a nessuna organizzazione particolare ed ha obiettivo di aiutare dove può). contatti qui .
 
- In vista del grande rapporto che per molti anni si è stabilito con diverse reti in Sud Africa, il progetto Isiphephelo diventa un programma per la consulenza e la formazione per gli  imam e rifugiati LGBT, in particolare quelli del mondo arabo-musulmano e africano.
 
- Interconfessionale Convegno organizzato da INERELA + (Rete Internazionale dei Leader Religiosi infetti o affetti da personalità AIDS) a Johannesburg, in collaborazione con IAM(incluso affermando Ministeri).
 
-. Conferenza organizzata dall'organizzazione LGBT dell'Università di Pietermaritzburg (KwaZulu Natal, Sud Africa) per un dialogo sulla sessualità di genere saperne di più qui .
 
-. Matrimonio di una coppia di lesbiche iraniane durante lo Stockholm Pride Leggi di più qui.
 
PS: in considerazione della forte domanda per la nostra esperienza e la nostra partecipazione per diversi anni con le reti Calem tutti coloro che sono soci fondatori, come il gin (Global Interfaith Network), GQN (Global Queer Network), AIM (Alliance for Inclusive musulmani), possono pubblicare informazioni sul nostro sito regolarmente. 
Assemblea degli Amministratori di HM2F 
 
5 rue Perr ndr - 75003, Parigi
    ________________________________ __________________________
coordinatori internazionali 
Calem & INIMuslim s 'programms 

gruppo - MTE - socio fondatore
 Comitato - Ipergay - membro del comitato
 Federazione LGBT - membro  ILGA Europe - membro