8 marzo 2008

FINALMENTE: FRANCO GRILLINI candidato sindaco di Roma

E' stata ufficializzata questa mattina presso la sede del Partito socialista a Roma la candidatura a sindaco di Franco Grillini.

Alla conferenza stampa hanno partecipato Enrico Boselli, leader del Partito socialista, Bobo Craxi, Gavino Angius e Roberto Villetti.

(AGI) - Roma, 7 mar. - "Non e' possibile lasciare ai romani la sola possibilita' di scelta tra un candidato papista e uno dei clericofascisti. Noi non vogliamo che Roma sia governata dalla destra, la peggiore destra in Italia, ma vogliamo riportare i temi del socialismo e della laicita' a Roma e quindi in Italia". Cosi' Franco Grillini ha annunciato ufficialmente la sua candidatura a sindaco di Roma e, nel farlo, ha spiegato che "la decisione e' arrivata dopo il rifiuto e la discriminazione inspiegabili e inspiegati che il Pd ha fatto nei confronti del Partito Socialista".
Per l'annuncio dell'inizio della corsa al Campidoglio, la sede prescelta e' stata quella della 'casa' storica del Partito Socialista a Roma, i locali del civico 26 di piazza San Lorenzo in Lucina. Accanto al candidato siedono i maggiorenti del Partito Socialista: il vicepresidente del Senato Gavino Angius, il presidente del partito Enrico Boselli, il segretario romano Atlantide Di Tommaso e Alberto Benzoni, gia' vicesindaco con Luigi Petroselli. E' il candidato del Pd, Francesco Rutelli il primo bersaglio di Grillini: "E' stato protagonista della spinta anti socialista nel Pd - spiega - e Rutelli e' stato il sindaco che nel 2000 ritiro' il patrocinio al World Pride".
Continua, il candidato, a citare i passaggi che, a suo dire, rendono impraticabile la strada di un apparentamento tra socialisti e Pd, dal referendum sulla legge 40 al muro contro muro che, in Campidoglio, il Pd ha opposto al Registro delle unioni civili. Enrico Boselli ricorda di essere "rimasto colpito dalla decisione che Walter Veltroni prese due mesi fa quando, alleandosi con la destra, impedi' l'istituzione del Registro delle unioni civili, lasciando in questo modo 60 mila coppie romane prive di diritti. I sindaci socialisti di Parigi e Londra si sarebbero vergognati". Di fronte a questo precedente il presidente dei socialisti sente di poter dire che "da sindaco Rutelli fara' anche di peggio. Per questa ragione penso sia giusto scendere in campo".

____________________________________________________________________
MIELI. FRANCO GRILLINI SINDACO DI ROMA? SI GRAZIE!
Crediamo nella sua candidatura

Il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli apprende con estrema soddisfazione la candidatura di Franco Grillini a Sindaco di Roma per il Partito Socialista.

Le sue indubbie capacità , l'impegno profuso a tutti i livelli durante la sua attività parlamentare, la sua personale coerenza politica rispetto al tema della laicità, nel quale rientra a pieno titolo anche la questione glbt, rendono la sua candidatura assai rilevante e riaprono senza se e senza ma nuove prospettive nelle elezioni amministrative della capitale.

Ricordiamo che solo due mesi fa il Comune di Roma ha bocciato l'istituzione del Registro delle Unioni Civili perdendo l'occasione di dimostrare di essere all'altezza una vera capitale europea. Per questo crediamo che la candidatura di Franco Grillini riporti al centro del dibattito politico e della campagna elettorale temi volutamente lasciati da parte, quali la laicità ed il fondamentale
tema dei diritti civili e delle libertà individuali, anche in ambito amministrativo.

Rossana Praitano

Presidente Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli
____________________________________________________________________
ARCIGAY ESPRIME PIENO APPOGGIO ALLA BATTAGLIA DI GRILLINI
Tutte le persone lgbt e quelle che si adoperano per una riforma civile e sociale nel paese, possano riconoscere e sostenere la candidatura.

E' stata confermata oggi la volontà del Partito Socialista di Roma di candidare Franco Grillini, parlamentare uscente, presidente onorario di Arcigay, alla carica di Sindaco di Roma.

Arcigay esprime pieno appoggio alla battaglia di Franco, che ha come primo obiettivo di dare voce a tutti quegli elettori che vogliono esprimere un voto per un candidato sindaco concretamente impegnato nelle battaglie di laicità di libertà.

Riteniamo, quindi, che tutte le persone lgbt e quelle che si adoperano per una riforma civile e sociale nel paese, possano riconoscersi e sostenere la candidatura di Franco Grillini a sindaco
di Roma.

Aurelio Mancuso - Presidente nazionale Arcigay
Fabrizio Marazzo - Presidente Arcigay Roma

____________________________________________________________________

ALEMANNO, CON GRILLINI BATTAGLIA PIU' APERTA CHE MAI
Candidatura seria

Roma, 7 mar - 'La candidatura di Grillini al Campidoglio e' un segnale importante che mostra come le sponde siano alternative e la battaglia e' piu' aperta che mai'. Cosi' Gianni Alemanno, candidato del PdL al sindaco di Roma, prima di entrare al convegno in corso all'auditorium della Conciliazione su 'Vita, famiglia, educazione. Nel cuore della politica'.

1 commento:

albamontori ha detto...

GRILLINI CORRE NELLA CAPITALE

(DIRE) Roma, 7 mar. - "Rutelli e' inaffidabile e invotabile.

Penso sia giusto che vada al secondo turno, anche se non vogliamo che vinca la destra, che a Roma raggiunge una delle sue peggiori espressioni" .
Franco Grillini, in attesa di poter correre per la
poltrona di primo cittadino di Bologna, scende in campo nella
Capitale e motiva cosi' la sua scelta di candidarsi a sindaco di
Roma per il Partito socialista. Lo ha fatto oggi nel corso di una
conferenza stampa.

"Non e' possibile che i romani debbano scegliere tra i clerico-
fascisti o l'Opus dei- continua Grillini- a un sindaco papista e a
un ex fascista noi contrapponiamo un sindaco laico e socialista".
Riferendosi solo a Rutelli, poi, l'esponente socialista attacca: "E'
stato protagonista della spinta antisocialista e clericale nel Pd.
Nel 2000, quando era sindaco, ritiro' il patrocinio al World Pride".
Sui diritti civili, aggiunge, "il Pd ha preso impegni modestissimo
scritti sulla sabbia, vale l'esempio del centro internazionale di
cultura omosessuale che mi ricorda le promesse mai mantenute da
Cofferati a Bologna". E proprio da Bologna arriva subito un sostegno
alla sfida lanciata da Grillini a Roma. Il Comitato provinciale
Arcigay "Il Cassero" di Bologna esprime infatti "pieno sostegno per
la candidatura di Franco Grillini a sindaco di Roma", afferma
Emiliano Zaino, presidente di Arcigay "Il Cassero". La candidatura
di Grillini piace perche', a Roma, "i grandi schieramenti di
centrodestra e centrosinistra si sono mostrati, alla prova della
Capitale, entrambi succubi della volonta' delle gerarchie
ecclesiastiche" .

La discesa in campo di Grillini, "della cui serieta' e del cui
impegno il Cassero e' testimone diretto, si profila- continua Zaino
in una nota- come l'unica alternativa praticabile per coloro che,
con il loro voto, vorranno indicare alla politica la via della
laicita'. Una via che e' altra cosa rispetto alla deriva fascista di
Alemanno e alle promesse di Francesco Rutelli, il quale, proprio da
sindaco di Roma, ritiro' il patrocinio della citta' al World Pride
2000".

Quanto alle promesse di Grillini, dopo le "3 I" di Silvio
Berlusconi, nella campagna elettorale irrompono le "3 T", talento,
tecnologia e tolleranza, del candidato socialista. In particolare,
Grillini promette "internet gratis e accessibile a tutti estendendo
la rete wi-fi". E ancora: "Mi occupero' della vita quotidiana dei
romani, di tutti i romani". Grillini sara' appoggiato da tre liste:
una socialista, una d'ispirazione laica e una terza che lui
definisce "molto trasgressiva, birichina e dedicata al mondo della
notte e del divertimento" . Sul sito internet del candidato,
www.grillinisindaco .it, saranno pubblicati gli sms (da inviare al
numero 331/7076401) dei cittadini che vogliono dare suggerimenti per
la campagna elettorale.