7 aprile 2008

TENSIONE A PARIGI, FERMATA LA FIACCOLA OLIMPICA

PARIGI - La fiaccola olimpica è arrivata a bordo di un autobus alla sede del Compitato olimpico francese accanto allo stadio Charlety, nella parte sud di Parigi, ultima tappa del suo passaggio nella capitale francese. Lo hanno mostrato immagini trasmesse dalla tv. L'organizzazione aveva annullato le ultime tappe dopo le dimostrazioni pro-Tibet nella capitale francese.


E' stata annullata anche la cerimonia prevista all'interno dell'Hotel de Ville, il municipio di Parigi, per il passaggio della fiaccola olimpica dalla ex campionessa di nuoto Christine Caron al calciatore del Paris Saint Germain, Pedro Pauleta. L'annullamento è stato deciso dopo che un gruppo di consiglieri ecologisti hanno esposto all'interno del municipio alcune bandiere nere di Reporter senza frontiere e una bandiera del Tibet. "Non siamo d'accordo sul fatto che la fiamma delle Olimpiadi entri all'Hotel de ville - ha detto l'assessore comunale Denis Baupin, dei Verdi - perché è una parte del sangue dei tibetani che entra nel municipio con la fiaccola".


La fiaccola era stata spenta e poi riaccesa, durante il suo percorso agitato dalle proteste dei manifestanti pro-Tibet. Lo spegnimento, per ragioni tecniche, secondo la prefettura parigina. La conclusione del passaggio della fiaccola a Parigi era prevista intorno alle 17 allo stadio Charlety, nella parte sud della capitale. La fiamma era partita intorno alle 12:35 dalla Torre Eiffel ed avrebbe dovuto percorrere 28 km passando davanti ai celebri siti della capitale francese per arrivare, intorno alle 17, allo stadio Charlety. Imponenti le misure di sicurezza: circa 3.000 poliziotti presidiano la capitale francese, in terra, in aria e anche sulla Senna.


Il percordo della fiaccola e' stato pero' interrotto, e la torcia olimpica e' stata messa in sicurezza su un bus, mentre si dirigeva, lungo la rive gauche, verso Issy-les-Moulineaux (sud-ovest di Parigi), e dopo incidenti tra forze dell'ordine e manifestanti pro-Tibet. L'interruzione si è avuta a circa 200 metri dalla Tour Eiffel quando il corteo che seguiva la fiaccola aveva lasciato la zona di sicurezza segnata attorno al monumento.La fiamma olimpica è stata riaccesa e affidata ad un tedoforo verso le 13:50 vicino a Pont d'Issy-les-Moulineaux alle porte di Parigi.


La fiaccola era stata spenta poco dopo le 13:30 per "ragioni tecniche", secondo la prefettura, e rimessa in un autobus, nelle vicinanze dell' edificio di France Televisions, l' ente pubblico radiotelevisivo.


I tibetani residenti in Francia avevano preannunciato una giornata di solidarietà sulla piazza del Trocadero, intitolata ai diritti umani che però non si trova sul tracciato della torcia. Reporter senza frontiere aveva invece esortato tutti i parigini a radunarsi sotto la Torre Eiffel. Con la tappa parigina la fiaccola chiuderà il suo giro europeo. Partirà questa sera per le Americhe, attesa dagli appuntamenti di San Francisco, mercoledì, e Buenos Aires, venerdì.


BANDIERA CON MANETTE SU TOUR EIFFEL


Una bandiera nera sulla quale i cerchi olimpici vengono raffigurati come manette è stata issata al primo piano della Tour Eiffel, sul lato nord. Lo ha constatato la Afp.


I vigili del fuoco sono poi intervenuti per togliere la bandiera e far sloggiare i tre individui che si trovavano sulla struttura metallica tra il pilastro nord e quello ovest. I tre avevano approfittato di una disattenzione degli agenti di sicurezza per arrampicarsi sull'edificio e issare la bandiera grande circa quattro metri La bandiera nera con i cerchi olimpici come manette è distribuita ai partecipanti alla manifestazione dall'associazione Reporter senza frontiere.

Nessun commento: