6 marzo 2008

Gay iraniano, i deputati europei si mobilitano

Roma-Bruxelles, 5 marzo 2008

GAY IRANIANO: OLTRE 50 DEPUTATI EUROPEI FIRMANO LETTERA-APPELLO ALLE AUTORITA' EUROPEE PER SALVARE MEHDI KAZEMI. RINVIATA NELLE PROSSIME ORE LA DECISIONE SUL RIMPATRIO. PREOCCUPAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI UMANITARIE.

Oltre 50 Deputati europei, primi firmatari i radicali del Gruppo Alde Marco Cappato e Marco Pannella, hanno sottoscritto in queste ore una Lettera – Appello alle autorità europee per salvare la vita al ragazzo gay 19enne iraniano che rischia di essere deportato in Iran. La lettera aperta - Appello è indirizzata al Commissario Europeo Franco Frattini, al Primo Ministro sloveno Janes Jansa, Presidente di turno dell'Unione europea, al Primo Ministro del Regno Unito, Gordon Brown, a Jan Peter Balkenende, Primo Ministro olandese ed a Hans-Gert Poettering, Presidente del Parlamento Europeo. I firmatari sono appartenenti a quasi tutti i Gruppi politici presso il Parlamento europeo.

Nell'appello si chiede che vengano applicate le garanzie di protezione per persone che rischiano la pena di morte nel loro paese, a partire dal rispetto delle direttive europee che impongono agli Stati membri il riconoscimento dello Status di rifugiato a coloro che necessitano di protezione internazionale.

Da fonti del Gruppo EveryOne di Gran Bretagna e Italia, che per primi si sono mobilitati per salvare Mehdi Kazemi, è dato per certo un rinvio, nelle prossime ore o giorni, della decisione sull'eventuale rientro in Gran Bretagna. Se fosse deciso il rimpatrio del cittadino iraniano in Gran Bretagna, ci sarebbe il rischio di una deportazione in Iran dove lo attenderebbe la pena di morte a causa della sua omosessualità .

I rappresentanti del Partito Radicale Nonviolento, del Gruppo EveryOne e dell'Associazione radicale 'Certi Diritti', hanno ricevuto rassicurazioni dalle ambasciate olandesi di Spagna e Italia, oltre alla Rappresentanza permanente olandese presso l'Unione Europea, che si sono attivate nelle ultime ore presso il Governo olandese per sollecitare una soluzione positiva.

A seguire il testo della Lettera-Appello (in inglese) promosso dalla delegazione dei radicali presso il Parlamento Europo con l'elenco dei 52 deputati europei firmatari:
Open Letter - Appeal to:

- Franco FRATTINI,
EU Commissioner on Freedom, Security and Justice
- Janes JANSA, Prime Minister, Slovenian Presidency
- Gordon BROWN, Prime Minister of the United Kingdom
- Jan Peter BALKENENDE, Prime Minister of the Netherlands
- Hans-Gert POETTERING, President of the European Parliament

Dear Commissioner, Dear Prime Ministers, Dear President,
we would like to express our serious concern regarding the fate of Medhi Kazemi, a 19 years old gay Iranian citizen who has requested asylum in the United Kingdom and had his application turned down. Fearing deportation, he fled to the Netherlands, where he applied for asylum. Dutch authorities are right now examining his request and deciding on the basis of EU law on whether to send him back to the UK - leaving to UK authorities the final decision on his possible deportation to Iran while not using the possibility foreseen by art. 3 (Chapter II) of the Dublin Regulation.

As you will be aware, Iranian authorities routinely detain, torture and execute homosexuals. Medhi's partner has already been executed, while his father has threatened him with death. Article 3 of the European Convention on Human rights, as well as the Charter of Fundamental Rights and international human rights law, prohibit the removal, expulsion or extradition of persons to countries where there is a serious risk that he or she would be subjected to the death penalty, torture or other inhuman or degrading treatment or punishment, whereas EU law recognises sexual orientation as a ground for Member States to grant asylum. It is not understandable, nor acceptable, that the EU or its Member States apply European and national laws and procedures in a way resulting in the expulsion of persons to third countries that would persecute or kill tem, furthermore in violation of European and international human rights obligations.

We consequently appeal to you to find a common European solution to ensure that Medhi Kazemi is granted asylum or international protection on the EU soil and not sent back to Iran, where he would be executed, hereby ensuring that article 3 of the ECHR is fully respected by all European authorities and notably, in this case, by the UK.

We also ask you to take action to avoid that similar situations do not happen in the future.
Regards,

o Marco CAPPATO, ALDE
o Marco PANNELLA, ALDE
o Sophie IN'T VELD, ALDE
o Jeanine HENNIS-PLASSCHAERT, ALDE
o Lilli GRUBER, PSE
o Sarah LUDFORD, ALDE
o Monica FRASSONI, GREEN/EFA
o Pasqualina NAPOLETANO, PSE
o John BOWIS, PPE
o Alain HUTCHINSON, PPE
o Els DE GROEN, GREEN/EFA
o Daniel DAIANU, ALDE
o Patrizia TOIA, ALDE
o Josu ORTUONDO LARREA, ALDE
o Jaroslav ZVERINA, EPP-ED
o Adeline HAZAN, PSE
o Adina Ioana VALEAN, ALDE
o Renate WEBER, ALDE
o Vittorio ANGNOLETTO, GUE/NGL
o Marie-Arlette CARLOTTI, PSE
o Luisa MORGANTINI, GUE/NGL
o Shakeh MELIKIAN, PSE
o Maria PETRE, EPP-ED
o Roberto MUSACCHIO, GUE/NGL
o Giusto CATANIA, GUE/NGL
o Vincenzo AITA, GUE/NGL
o Gabi ZIMMER, GUE/NGL
o Jean-Louis COTTIGNY, PSE
o Liz Lynne, ALDE
o Heide RUHLE, GREEN/EFA
o Ignasi GUARDANS, ALDE
o Struan STEVENSON, Vice-President of the EPP-ED Group
o Micheal CASHMAN, PSE
o Raul ROMEVA, GREEN/EFA
o Eldar MAMEDOV, PES
o Hélène FLAUTRE, GREEN/EFA
o Dimitris Papadimoulis GUE/NGL
o Robert NAVARRO, PSE
o Ana Maria GOMES, PSE
o Bernadette BOURZAI, PSE
o Alejo VIDAL-QUADRAS, EPP-ED
o Inger SEGELSTRÖM, PSE
o Luis YAÑEZ-BARNUEVO GARCÍA, PSE
o Stavros LAMBRINIDIS, PSE
o Cristian Silviu BUÅžOI, ALDE
o Joost LAGENDIJK, GREEN/EFA
o Maria da Assunção ESTEVES, EPP-ED
o Frédérique RIES, ALDE
o Anna HEDH, PSE
o Fiona HALL, ALDE
o Stavros ARNAOUTAKIS, PSE Glenis WILLMOTT, PSE

1 commento:

AMg ha detto...

E naturalmente in Italia tutto tace al riguardo sui nostri media più supini che mai all'ostracisno silenzioso nei confronti di gay, radicali e soprattutto lotte per i diritti umani, quelli veri e non inventati dal vaticano!!!
Mentre la sola SKY riporta in Italia notizia dell'azione in corso in mezza Europa per salvare la vita di questo giovanotto e quelle dell'Europa ne fanno soggetto da prima pagina...
Questo dovrebbe insegnare a chi si fida dei media italici a rivedere le proprie opinioni e azioni, se se le fa basandosi su quel che proprio costoro pubblicizzano a gran voce.