6 giugno 2008

OMODIARIO: ROMAPRIDE '08

Gay Pride di Roma: inaccettabile il diniego di utilizzo di piazza San Giovanni.

SABATO 7 GIUGNO, ALLE ORE 20.50, DOPO AVER PARTECIPATO AL GAY PRIDE, MILITANTI E DIRIGENTI RADICALI, ESPONENTI DEL MOVIMENTO LGBT E DI RIFONDAZIONE COMUNISTA SI IMBAVAGLIERANNO DAVANTI ALL'INGRESSO DELLA BASILICA DI SAN GIOVANNI A ROMA.

Dichiarazione di Rita Bernardini, Deputata radicale del Pd, Segretaria di Radicali Italiani e Sergio Rovasio, Segretario Associazione Radicale Certi Diritti:

"Il diniego della Prefettura e Questura di Roma agli organizzatori del Gay pride di utilizzare Piazza San Giovanni, come punto d'arrivo della manifestazione, è del tutto ingiustificato. La motivazione data sarebbe quella che è "inopportuno" che il Gay pride si concluda nello stesso luogo dove ha sede una Basilica all'interno della quale, alle ore 21 - dopo un'ora dalla conclusione del pride! - si svolgerà un convegno e canterà un coro. Insomma, le motivazioni del diniego non riguardano l'ordine pubblico o aspetti giuridici ma soltanto questioni di 'inopportunità', perchè canterà un coro. Nell'esprimere tutta la nostra solidarietà e vicinanza alle Associazioni organizzatrici del Gay Pride di Roma, giudichiamo questo diktat imposto dalle autorità un pericoloso precedente che nega il diritto costituzionale a manifestare liberamente il proprio pensiero.Per queste ragioni, sabato 7 giugno, alle ore 20.50, insieme a parlamentari, dirigenti e militanti radicali, con esponenti del movimento lgbt e, tra gli altri, Elettra Deiana dirigente di Rifondazione Comunista e Saverio Aversa, responsabile nazionale ‘Diritti e Culture delle Differenze’ per Rifondazione Comunista, ci imbavaglieremo davanti all'ingresso della Basilica di San Giovanni, nella stessa ora in cui il Coro inizierà i suoi canti"

Nessun commento: