19 dicembre 2008

DEPENALIZZAZIONE DELL'OMOSESSUALITA'

dichiarazione fondamentale all'assemblea ONU
Invocando l' universalità dei diritti dell' uomo, un terzo dei paesi del mondo ha lanciato giovedì alle Nazioni Unite, a New York, un appello storico alla depenalizzazione universale dell' omosessualità, nonostante l' opposizione attiva di molti stati arabi e del vaticano. [vedere le fotografie.]

Quest'appello di cui Rama Yade, segretario di Stato francese ai diritti dell' uomo, è la prima firmataria e promotrice, è stato presentato dinanzi all' Assemblea generale dell' ONU dall' ambasciatore d' Argentina, Jorge Arguello, in nome di 66 paesi, distribuiti sui cinque continenti, che l' hanno firmato, cioè un terzo degli Stati membri (su 192).

Questa dichiarazione politica, che impegna che i suoi firmatari, non ha carattere vincolante ma mette la questione dei diritti degli omosessuali, lesbiche, bisessuali e transgenres all' ordine del giorno dell' Assemblea dell' ONU.

Fra i 66 firmatari appaiono in particolare tutti i paesi di l' Unione Europea, il Brasile, Israele ed il Giappone.

Ma né la Cina, né gli Stati Uniti, né la Russia hanno aderito.

L' appello si fonda sul principio dell'universalità dei diritti di l' uomo, sancito nella dichiarazione universale di questi diritti, di cui si celebra il 60° anniversario quest' anno, e che prevede nel suo articolo 1 che “tutti gli esseri umani nascano liberi ed uguali in dignità ed in diritti.

Ribadisce “il principio di non discriminazione che esige che i diritti dell' uomo si applichino nello stesso modo ad ogni essere umano, indipendentemente dall' orientamento sessuale o dall' identità di genere.I 66 paesi “condannano le violazioni dei diritti dell' uomo fondate sull' orientamento sessuale o l' identità di genere, ovunque sono commesse.

Denunciano in particolare “il ricorso alla pena di morte su questa base, le esecuzioni estragiudiziali, sommarie o arbitrarie, la pratica della tortura ed altri trattamenti o pene crudeli e inumane e invalidanti, l' arresto o la detenzione arbitraria e la privazione dei diritti economici, sociali e culturali, in particolare il diritto alla salute.

Dopo questa lettura, il ministro degli esteri dei Paesi Bassi, Maxime Verhagen, e la signora Yade hanno copresieduto una riunione di alto livello per promuovere questa dichiarazione.

“In questo XXI° secolo, come accettare che persone siano perseguitate, imprigionate, torturate ed offese a causa del loro orientamento sessuale?„ ha affermato la signora Yade, che qualifica come “storica„ l' iniziativa dei " 66".

Ha tuttavia riconosciuto che il compito era “difficile„, che ha potuto constatare, in occasione della campagna per l' adozione del testo, che quest'ultimo s' “si era avolte scontrato con l' incomprensione, o l' ostilità aperta di una caccia alle streghe.

“I ceppi dell' intolleranza sono ovunque quelli di sempre„, ha aggiunto prima di deplorare che l' omosessualità sia ancora vietata e dunque penalizzata in 77 paesi. La pena capitale è prevista in 7 paesi (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Iran, Mauritania, Nigeria, Sudan, Yemen).

In occasione della preparazione di questa dichiarazione, molti paesi arabi ed il vaticano hanno manifestato la loro ostilità al testo.

Il Sig. Verhagen ha da parte sua salutato il fatto che “per la prima volta nella storia, un gruppo importante di Stati membri s' è pronunciato all' Assemblea generale contro la discriminazione fondata sull' orientamento sessuale.

Con la dichiarazione odierna, ha detto alla stampa, la questione non è più un tabù alle Nazioni Unite, ed è fermamente iscritta all' ordine del giorno.

[tetu.com – foto : ONU – copyright : tetu.com]

Dépénalisation de l'homosexualité: déclaration «historique» au siège de l'Onu
Invoquant l'universalité des droits de l'homme, un tiers des pays du monde a lancé jeudi aux Nations unies, à New York, un appel historique à la dépénalisation universelle de l'homosexualité, malgré l'opposition active de plusieurs Etats arabes et du Vatican. [voir les photos.]

Cet appel (lien, dans une version de travail) dont Rama Yade, secrétaire d'Etat française aux droits de l'homme, est l'une des inspiratrices, a été lancé devant l'Assemblée générale de l'ONU par l'ambassadeur d'Argentine, Jorge Arguello, au nom de 66 pays, répartis sur les cinq continents, qui l'ont signé, soit un tiers des États membres (sur 192).

[AFP]

Nessun commento: