27 gennaio 2011

IN MEMORIA DI DAVID KATO

UGANDA: UCCISO ATTIVISTA GAY, CONDANNA PARLAMENTO EUROPEO. BUZEK, GOVERNO CANCELLI LEGGI DISCRIMINATORIE E FACCIA INCHIESTA

(ANSA) - BRUXELLES, 27 GEN - La morte di David Kato, l'attivista per i diritti dei gay in Uganda, non deve restare impunita. Il governo ugandese deve rispettare le convenzioni internazionali, cancellare la legge che definisce l'omosessualita' un crimine e deve aprire un'inchiesta sull'assassinio. Lo ha chiesto con una dichiarazione scritta il presidente del Parlamento europeo, Jerzy Buzek.

''David Kato - - ha dichiarato - era un uomo che combatteva per il diritto delle persone a vivere in liberta' in Uganda, indipendentemente dal loro orientamento sessuale. Chiedo che i colpevoli della sua uccisione vengano portati davanti alla giustizia. Kato era un eccezionale difensore dei diritti umani''.

''Disapprovo che l'Uganda sia un paese in cui l'omosessualita' e' ancora considerata un atto criminale - ha aggiunto Buzek - La battaglia di Kato era volta ad aumentare la tolleranza sulla sessualita', alla difesa dei diritti di lesbiche, gay, bisessuali e trans, nonche' alla protezione delle minoranze vulnerabili''.

Buzek ha quindi ricordato che il Parlamento europeo ''ha gia' adottato due risoluzioni contro la bozza legislativa anti-omosessuale''. ''Sottolineo - ha aggiunto il presidente dell'assemblea elettiva europea che l'orientamento sessuale e' materia che ricade nel diritto individuale alla privacy nel quadro dei diritti umani universali ed in quello delle liberta' fondamentali''.

''Ribadisco il richiamo del Parlamento europeo alle autorita' ugandesi - ha concluso Buzek - affinche' non approvino la nuova legislazione e rivedano quella esistente in modo da depenalizzare l'omosessualita' e ricordo al governo ugandese i suoi obblighi verso le leggi internazionali e verso l'accordo di Cotonou, che chiama al rispetto dei diritti umani universali''.

(ANSA)

Nessun commento: